Vuoi un lavoro? Trova l’Aggancio

L’AGGANCIO: cos’è? Come e dove trovarlo? 

“Ho scritto un progetto, potrebbe risolvere molti problemi”

“Ottimo, che agganci hai?”

80225b0d-45dd-43d5-8116-abdb6bc40368

L’Aggancio:  punto d’origine di cose buone e cattive, l’aggancio è bene e male, è luce e ombra.

Molti lo amano, alcuni lo odiano.

Dicesi Aggancio di essere vivente umanoide, che si presume passi la vita a realizzare i desideri altrui. Continua a leggere

Annunci

LA SCIENZA DISARMATA DA ”IO NON CI CREDO”.

In questi ultimi mesi, in relazione al messaggio prettamente propagandistico che riguarda l’esistenza presunta di una “teoria gender” che affliggerà, traumatizzandole, le menti dei nostri fanciulli, mi sono chiesta spesso come mai l’esposizione dei fatti, ovvero il chiarimento da parte della comunità scientifica sull’inconsistenza di tali argomentazioni,  non risulti sufficiente a “calmare gli animi” e riportare il dibattito ad un piano di realtà.

marionettaSebbene mi renda conto che l’argomento farlocco in questione  venga rilanciato a cadenza regolare da personaggi politici che hanno interessa a mantenerlo vivo ( vedi l’articolo di repubblica che titola:  “Convegno anti-gay, a Milano arriva il bis. Il Pirellone ne fa un altro: “Di nuovo logo Expo”) , non capisco come sia possibile che i miei coetanei, gente che ha studiato e che dovrebbe avere un livello culturale medio alto e un agevole accesso alle informazioni, si ostinino a non assumere il punto di vista della scienza e propugnino quello della propaganda.

Continua a leggere

L’inerzia è un’isola circondata da paradosso e circoli viziosi.

 Che cosa è mai l’uomo, che riesce a lagnarsi di se stesso!

(Johann Wolfgang von Goethe)

 Di questi tempi è un’ardua impresa tentare di riqualificare l‘immagine pubblica dei giovani.  A sferrare il colpo di grazia ci ha pensato il giovane manifestante No Expo che il primo maggio ha pensato bene di palesarsi in tutto il suo splendore commentando gli scontri avvenuti a Milano durante la manifestazione con frasi del tipo: “è giusto spaccare tutto” “ci stava di brutto” “se non do fuoco ad una banca sono un co*****ne”.  Un’intervista di 2,26 minuti, buona solo ad ispirare un’azienda che vende preservativi.

tia-sangermano-testimonial-durex

“Disfattisti questi giovani d’oggi, buoni solo a lamentarsi quando non impegnati ad essere distruttivi”.

Sebbene ingiustificabile l’espressione di idiozia del ragazzo in questione e di tutti coloro che hanno distrutto Milano, merita fermarsi a riflettere sul paradosso che comporta il dichiarare che un’azione è disfattista senza poi impegnarsi nell’analisi delle ragioni che hanno portato a quello scempio oppure, peggio ancora, ridurre il dibattito al condannare le azioni di un solo gruppo a discapito del lavoro costruttivo di altri gruppi che hanno manifestato il loro dissenso nei confronti della manifestazione Expo 2015.

Questo è lo specchio della società moderna: distruggiamo, neghiamo, condanniamo. Non è una questione generazionale.

Se gli scontri di Milano per i giovani psicologi sono un po’ troppo lontani per capire il senso di questa riflessione, un’ulteriore conferma la possiamo trovare anche nelle vicinanze.

Continua a leggere