LA SCIENZA DISARMATA DA ”IO NON CI CREDO”.

In questi ultimi mesi, in relazione al messaggio prettamente propagandistico che riguarda l’esistenza presunta di una “teoria gender” che affliggerà, traumatizzandole, le menti dei nostri fanciulli, mi sono chiesta spesso come mai l’esposizione dei fatti, ovvero il chiarimento da parte della comunità scientifica sull’inconsistenza di tali argomentazioni,  non risulti sufficiente a “calmare gli animi” e riportare il dibattito ad un piano di realtà.

marionettaSebbene mi renda conto che l’argomento farlocco in questione  venga rilanciato a cadenza regolare da personaggi politici che hanno interessa a mantenerlo vivo ( vedi l’articolo di repubblica che titola:  “Convegno anti-gay, a Milano arriva il bis. Il Pirellone ne fa un altro: “Di nuovo logo Expo”) , non capisco come sia possibile che i miei coetanei, gente che ha studiato e che dovrebbe avere un livello culturale medio alto e un agevole accesso alle informazioni, si ostinino a non assumere il punto di vista della scienza e propugnino quello della propaganda.

Continua a leggere